Servizio disabili

Per le persone con diverse difficoltà motorie mettiamo a disposizione due tipi di servizi:

  • il servizio dedicato 'Mobility bus';
  • il servizio di linea utilizzabile in autonomia (bus, metropolitana, ascensori e funicolari)

 

MOBILITY BUS
mobility-busE' un servizio organizzato in collaborazione con il Comune di Genova. Amt mette a  disposizione il proprio personale di guida e i Mobility bus, veicoli di piccole dimensioni dotati di sollevatore per carrozzelle e capaci di trasportare 5 passeggeri deambulanti e 2 passeggeri in carrozzella; i mezzi sono attrezzati con pedana posteriore, porta scorrevole laterale e possono accogliere 3 carrozzelle ancorate oppure 5 persone sedute + 1 carrozzella.

Come accedere al sevizio
Per usufruire del servizio occorre possedere particolari requisiti ed essere iscritti in apposite liste tenute dall'Assessorato ai Servizi Sociali (via Ilva,3) del Comune di Genova, che rilascia la tessera di accesso al servizio. Il servizio di accompagnamento è affidato alla cooperativa Coserco che, con la supervisione di Amt, predispone quotidianamente il servizio in base ad orari e origine/destinazione. Per questo motivo il servizio è a chiamata e si svolge su percorsi a richiesta, può essere prenotato telefonicamente fino a 24 ore prima dell'orario desiderato. La chiamata al numero 010.2471828 può essere effettuata dal lunedì al venerdì, dalle ore 9.00 alle ore 12.00, per uno spostamento nell'intera settimana (da lunedì a domenica) nella fascia oraria compresa tra le 7.00 e le 20.30

 

IL SERVIZIO DI LINEA UTILIZZABILE IN AUTONOMIA
L'impegno per garantire l'accessibilità dei mezzi pubblici a tutti si è concretizzato negli ultimi anni con un numero crescente di linee bus completamente attrezzate con pedane per la salita ed il viaggio di clienti in carrozzella. Questo è stato possibile grazie al progressivo acquisto di autobus dotati di apposita pedana che hanno via via sostituito i mezzi più obsoleti. Oggi possediamo un parco mezzi di 740 veicoli di cui 563 a pianale ribassato e 58 a pianale semiribassato.
Amt ha progettato e realizzato la riqualificazione di alcune fermate per rendere più agevole l'accesso ai bus. Le cosiddette fermate 'a isola protesa', costituite da infrastrutture dedicate come l'accosto al marciapiede, la realizzazione di uno scivolo, il percorso a terra per guidare i non vedenti, l'installazione di nuove sale d'attesa con mappa informativa e nuova palina di fermata. Le fermate a isola protesa si trovano nelle seguenti zone:

  • quartiere San Fruttuoso/Marassi: corso de Stefanis, al servizio della linea 37/;
  • quartiere Sant'Agata/Marassi: via Canevari, al servizio delle linee 13 e 14;
  • quartiere Staglieno, via delle Ginestre, al servizio della linea 49;
  • quartiere Carignano, via Volta, al servizio delle linee 35 e 35/.

Lavoriamo confrontandoci anche con la Consulta Comunale e Provinciale per i Problemi dell'Handicap.

    • Linee bus
      Amt ha interamente attrezzato con pedane mobili tutte le vetture che fanno servizio sulle linee: 3 (Staz. Principe - Sestri); 7 (Pontedecimo - via Fanti d'Italia/stazione Marittima); 8 (via Pallavicini - via Avio); 17 barrato (via Ceccardi- Nervi); 20 (Sampierdarena - Foce); 39 (via Vesuvio - Stazione Brignole); 40 (Via Costanzi/Righi - Stazione Brignole); 42 (via Isonzo - piazza De Ferrari). Lungo l'asse protetto di corso Europa le 8 fermate sono agibili grazie a ingressi dotati di scivoli. I capolinea e le fermate di transito di queste linee segnalano la possibilità di salita dei passeggeri in carrozzella con apposito simbolo alle paline.

    • Metropolitana
      In metropolitana tutti i marciapiedi ai binari sono, in linea di massima, allo stesso livello delle porte dei treni, in modo da permettere un'agevole entrata e uscita dalle vetture. Nei casi in cui non esistea un perfetto allineamento, sono presenti pedane mobili che facilitano l'entrata e l'uscita delle carrozzelle.  Su ogni treno c'è posto per una sola carrozzella (quindi due per ogni convoglio). Nelle stazioni della metropolitana è a disposizione, su chiamata, il nostro personale per la gestione delle pedane. Gli ascensori collegano gli ingressi superiori delle stazioni con i mezzanini e i binari, mentre in tutte le stazioni è installata idonea pavimentazione per guidare anche i clienti non vedenti all'accesso ai treni.

    • Ascensori
      Gli ascensori della rete accessibili con carrozzella sono:
      ·    ascensore di Manin (piazza Manin - via Contardo);
      ·    ascensore di via Crocco (corso Magenta - via Crocco);
      ·    ascensore di Castelletto Ponente (galleria Garibaldi -Spianata Castelletto);
      ·    ascensore di Castelletto Levante (piazza Portello - Spianata Castelletto);
      ·    ascensore di Montegalletto (via Balbi - corso Dogali);
      ·    Ascensore di Quezzi (via Pinetti-Fontanarossa).
      Gli impianti speciali con qualche criticità sono:
      ·    l'ascensore via XX Settembre - corso Podestà che ha un gradino da superare alla stazione superiore con un'altezza variabile tra i 10 e i 18 cm;
      ·    l'ascensore via Ponterotto - via Montello che presenta un gradino da superare alla stazione superiore con un'altezza variabile tra 10 e 18 cm;
      ·    l'ascensore via Dino Col - Mura degli Angeli che presenta alcuni gradini presenti sia alla stazione inferiore che alla stazione superiore.

  • Funicolari
    - Funicolare Sant'Anna: si può richiedere l'apertura del cancelletto d'ingresso attraverso l'apposito citofono per accedere alla banchina di stazione.
    - Funicolare Zecca-Righi: la stazione Madonnetta è inaccessibile per le barriere esterne all'impianto e per qualche gradino interno. Alla stazione San Nicolò il cliente in carrozzella in partenza o in arrivo deve utilizzare la vettura attrezzata nº 2 i cui orari sono esposti alle fermate.
    - Ferrovia a cremagliera Principe - Granarolo: gli interventi di consolidamento e ristrutturazione della cremagliera hanno riguardato anche l'abbattimento delle barriere architettoniche delle stazioni. In particolare:
    ·    3 stazioni sono totalmente accessibili (Bari, Salita Granarolo, via Bianco)
    ·    3 stazioni sono accessibili  da non vedenti ed ipovedenti (Cambiaso, Chiassaiuola, San Rocco).